FAQ - Domande frequenti

 

1. quando è aperta la Biblioteca?

2. quando sono aperti i Servizi al pubblico?

3. cosa bisogna fare per portare a casa un libro?

4. quali libri non possono essere prestati?

5. è possibile fare fotocopie?

6. il catalogo è tutto informatizzato?

7. come si consulta il catalogo?

8. esistono cataloghi a stampa?

9. come si fa a prendere in prestito libri di altre biblioteche?

10. c'è una sala conferenze?

11. ma ci potrà essere in futuro una sala conferenze?

12. come si fa ad esporre in Biblioteca?

13. oltre alle mostre d'arte, la Biblioteca può ospitare altre manifestazioni?

14. la Biblioteca pubblica libri o riviste? dove si possono acquistare?

15. è possibile donare libri alla Biblioteca?

16. la Biblioteca possiede CD musicali, film su DVD?

17. la Biblioteca è attrezzata per i disabili?

18. è possibile chiedere l'aiuto della Biblioteca per ricerche personali?

19. esiste un programma di digitalizzazione dei libri posseduti dalla Biblioteca?

20. cosa bisogna fare per lavorare in Biblioteca?
 

 

Se non trovi la tua domanda, invia alla Biblioteca una Email a bs-ison@beniculturali.it o telefona al n. 0481-580215 oppure al 0481-580225

 

 

 

1 - La Biblioteca è aperta al pubblico nei giorni feriali con il seguente orario:

da lunedì a venerdì:                          7.45-18.45

sabato:                                            7.45-13.30;

La Biblioteca è chiusa il 16 marzo, festa dei Santi Patroni della città Ilario e Taziano. Durante il periodo natalizio e pasquale la Biblioteca è aperta fino alle 13.30. Inoltre, è chiusa 2 settimane nel mese di agosto ma sono assicurati i servizi di informazione e prestito dalle 10.00 alle 12.30.

- scarica la Guida agli spazi della Biblioteca

 

2 - I Servizi al pubblico sono aperti ed articolati come segue:

prestito locale, lunedì - venerdì dalle 8.15 alle 18.00; sabato, dalle 8.15 alle 13.15;

prestito interbibliotecario, lunedì - sabato dalle 8.00 alle 13.00; martedì e mercoledì anche dalle 14.30 alle 17.30;

prestito nell'ambito del servizio "Libro Parlato", lunedì - venerdì 8.15-18.00; sabato 8.15-13.15

lettura in sala, lunedì - venerdì dalle 7.45 alle 18.45; sabato, dalle 7.45 alle 13.30;

fondi speciali (manoscritti, libri antichi, carte geografiche, ecc.), lunedì - sabato dalle 9.00 alle 13.00; su appuntamento, tel. 0481.580221

fondo Michelstaedter, lunedì - sabato dalle 9.00 alle 13.00; su appuntamento, tel. 0481.580221

- scarica la Guida ai Servizi

 

3 - Per portare un libro a casa occorre aver compiuto il diciottesimo anno di età. Per i minori di 18 anni l'ammissione al prestito è possibile solo nella Sezione di Pubblica Lettura e viene disciplinata con l'assunzione di responsabilità da parte dei genitori o di chi ne fa le veci.

Sono ammessi al prestito i residenti nella Regione Friuli-Venezia Giulia. Inoltre, sono ammessi: i cittadini italiani, dello Stato della Città del Vaticano e della Repubblica di San Marino, nonché i cittadini dei Paesi aderenti alla Comunità europea in grado di documentare le proprie necessità di studio o di ricerca e il proprio domicilio (con n. telefono e/o n. cellulare, Email);  i cittadini dei Paesi extracomunitari, che, oltre alle documentazioni di cui al punto precedente, siano in possesso della certificazione attestante il periodo di soggiorno e della presentazione di un'autorità diplomatica o di una istituzione culturale. 

Infine, occorre iscriversi e ricevere la tessera, valida per tutte le biblioteche costituenti il Polo SBN del Friuli-Venezia Giulia. Presso questa biblioteca, la tessera ha la durata di 5 anni dalla data del rilascio ed è rinnovabile con le stesse modalità seguite all'atto della prima iscrizione. Il prestito ha la durata massima di 30 giorni. Potrà essere rinnovato 1 sola volta per ulteriori 30 giorni, in assenza di prenotazioni da parte di altro utente.

- scarica la Guida al Prestito locale

 

4 - Non è possibile ottenere in prestito manoscritti, carte geografiche (manoscritte e a stampa), periodici, edizioni stampate prima del 1950, volumi in cattivo stato di conservazione, volumi collocati in sala di consultazione, nelle sezioni "Grandi formati" e "Storia patria", materiale del Fondo Carlo Michelstaedter, volumi rari e di pregio, collezioni speciali (cartoline, fotografie, manifesti e fogli volanti), spartiti e partiture musicali, audio/videocassette, tesi di laurea. Per quanto riguarda i CD-Rom e DVD, in alcuni casi è consentito il prestito previa autorizzazione.

- vedi art. 18 del Regolamento interno della Biblioteca Statale Isontina

 

5 - E' possibile fare fotocopie ed è a disposizione degli utenti una macchina fotocopiatrice a monete presso la sala cataloghi, al 1° piano. Sono esclusi dalla riproduzione i volumi di formato superiore allo specchio della fotocopiatrice, i volumi con pagine staccate e legatura deteriorata, le edizioni a stampa anteriori al 1830, i volumi collocati in rari e pregio e grande formato, i quotidiani rilegati, gli spartiti e le partiture musicali, le tesi di laurea e il materiale preparato per la legatoria.

 

6 - Il catalogo è informatizzato dal 1998, pertanto i cataloghi a schede hanno cessato di essere aggiornati. A partire da tale data la Biblioteca statale isontina è entrata nel Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN) nel Polo dell'Università di Trieste.
I cataloghi nominale e semantico delle opere entrate in Biblioteca a partire dal 1998 sono consultabili in linea nell'OPAC del polo SBN del Friuli Venezia Giulia. Sono stati riversati in SBN i fondi storici "Studienbibliothek",  "Gesuitico" e le collezioni moderne "CPL", "Collezioni", "R",  "Numeri" ed i periodici correnti. 

E' possibile consultare anche la collezione dei 10 cataloghi storici della Biblioteca Statale Isontina, in formato digitale (BDI -  Biblioteca Digitale Italiana).

I cataloghi a schede, presenti nella cosiddetta "Sala cataloghi" al 1° piano e nel Centro di pubblica lettura al 2° piano, consentono il reperimento di tutte le opere inventariate prima del 1998.

 

7 - Il catalogo a schede cartacee si consulta effettuando la ricerca (in ordine alfabetico) per autore, per soggetto e in casi determinati anche per titolo. Il catalogo in linea (OPAC) è consultabile per singola voce (autore, titolo, soggetto) o per più voci simultaneamente; la ricerca in linea prevede anche la modalità avanzata, dove per l'interrogazione si dispone di una maggiore quantità di voci di ricerca (es.: anno, editore, luogo, lingua, ecc.)

 

8 - I cataloghi a stampa della Biblioteca Statale Isontina relativi al patrimonio riguardante i periodici, gli incunaboli, il Fondo Michelstaedter, le carte geografiche, i manoscritti e materiale di altra natura, sono 28 - vedi i cataloghi a stampa

 

9 - Per prendere in prestito libri di altre biblioteche, oltre ad essere iscritti presso la Biblioteca Statale Isontina, occorre rivolgersi all'Ufficio del Prestito interbibliotecario nazionale ed internazionale, recandosi personalmente dal personale addetto o inviando una Email (contenente i dati personali, n. tel. / cell., e i dati bibliografici del materiale da richiedere). Il servizio è a pagamento.

- scarica la Guida al Prestito interbibliotecario

 

10 - La Biblioteca attualmente non dispone al proprio interno di una sala conferenze. Organizza invece conferenze in alcune librerie della città o in altri spazi pubblici che di volta in volta sono comunicati sulla stampa locale, sulla pagina dedicata agli eventi del sito della biblioteca www.isontina.beniculturali.it e sulla newsletter inviata a esclusivamente in formato elettronico a chi ne faccia richiesta.
Nei mesi estivi, il cortile interno può essere utilizzato anche per conferenze.

 

11 - Alla Biblioteca è stata assegnata la Sala Petrarca (in via Petrarca, a fianco del giardino pubblico), all'interno del palazzo denominato Trgovski Dom costruito dall'architetto Max Fabiani agli inizi del Novecento. La Sala, che da decenni è abbandonata, ospiterà dopo i restauri le attività culturali della Biblioteca (e quindi conferenze, ma non solo) e nei piani sottostanti magazzini di libri poco richiesti. L'idea è quella di farne una piccola “piazza del sapere” a disposizione di tutti, lettori e non. 




12 - Per esporre in Biblioteca l'interessato , sia in forma privata che associata, deve presentare specifica istanza alla Direzione della Biblioteca compilando l'apposito modulo rilasciato dalla segreteria o qui  scaricabile

La Direzione concede gli spazi espositivi a propria completa discrezione, valutando tempi ed opportunità di realizzazione delle manifestazioni proposte.

Sono considerati spazi espositivi della Biblioteca la Sala mostre, il loggiato ed il cortile interno.

- vedi il Regolamento per l'uso degli spazi espositivi

 

13 - La Biblioteca può ospitare, oltre alle mostre d'arte, manifestazioni quali concerti, laboratori all'aperto, piccoli spettacoli teatrali, performances di varia natura, ecc. Lo spazio dedicato a queste manifestazioni è il Cortile interno della Biblioteca.

 

14 - La Biblioteca pubblica dal 1923 "Studi Goriziani", rivista semestrale di bibliografia, letteratura, storia, e arte regionali, fondata dall'allora direttore Carlo Battisti, ai quali si sono aggiunti i Supplementi, numeri monografici dedicati alla storia locale e alla edizione dei cataloghi della Biblioteca, e recentemente le collane "Biblioteca di Studi goriziani" e le Guide Brevi BSI.

vedi le pubblicazioni

Le pubblicazioni della Biblioteca Statale Isontina possono essere acquistate nelle librerie di Gorizia oppure da: LIBRARIA - Promozione e servizi editoriali di Francesca Biasoni - via T. Ciconi, 41 - 33038 San Daniele del Friuli (UD) - tel. e fax 0432.954968 - Email: libraria@aliceposta.it

 

15 - E' possibile donare alla Biblioteca volumi singoli o intere biblioteche, ma è opportuno sottoporre la donazione alla valutazione dell'Ufficio Acquisizioni (Telefono: 0481-580236 - Email: giuliana.desimone@beniculturali.it). Sono a carico del donatore le spese per il trasporto.

 

16 - Nel settore multimediale (CD musicali, film su DVD, ecc.) la Biblioteca Statale Isontina è poco fornita. Per la musica si consiglia di rivolgersi alla Goriška Knjižnica Franceta Bevka di Nova Gorica www.ng.sik.si/index.html

 

17 - La Biblioteca è accessibile a tutte le persone con disabilità motorie anche con l'ascensore, che porta direttamente al Servizio del prestito librario (1° piano) e alla sala lettura (2° piano). I Servizi igienici per l'handicap sono situati al piano terra. E' a disposizione eventualmente anche il parcheggio interno con ingresso da Corso Verdi n. 19. 

Da luglio 2007 la Biblioteca ha attivato il progetto "Libro Parlato", consentendo in tal modo a cittadini non vedenti, ipovedenti e dislessici l'utilizzo di una postazione informatica "dedicata" per l'accesso ai servizi di ascolto, download e prestito di oltre 7.000 audio-libri attraverso il sito www.libroparlatolions.it .
La biblioteca è dotata di un accesso riservato al sito  attraverso il quale può gestire, a livello locale, le iscrizioni "on line" degli utenti, fornendo loro, all'atto dell'iscrizione, i parametri di accesso al portale Internet del Libro Parlato Lions per l'utilizzo al servizio.
La postazione è sistemata presso la Sala Cataloghi al 1° piano.

- scarica la Guida al Libro Parlato

 

18 - Per ricerche in ambito bibliografico la Biblioteca è a disposizione dell'utente. E' sufficiente esporre le proprie richieste o di persona presso l'Ufficio Fondi Speciali o per Email bs-ison@beniculturali.it

 

19 - Il programma di digitalizzazione del patrimonio librario, al quale la Biblioteca aderisce, fa riferimento al progetto nazionale della BIBLIOTECA DIGITALE ITALIANA - BDI. La digitalizzazione è rivolta ad alcuni Fondi speciali della Biblioteca (es. Manoscritti del Fondo Michelstaedter) ed ai 10 cataloghi storici. Esiste un consistente Fondo di periodici locali su Microfilm: vedi Giuliana De Simone, Catalogo dei periodici posseduti in microfilm dalla Biblioteca Statale Isontina, "Studi Goriziani", n. 84, p. 131-144

 

20 - La Biblioteca Statale Isontina è una struttura periferica dell'Amministrazione per i Beni e le Attività Culturali e, dunque, non gode di alcuna autonomia per quanto concerne le politiche di assunzione del personale. Conseguentemente il percorso obbligatorio è quello del pubblico concorso. I relativi bandi vengono pubblicati di volta in volta, per i diversi profili professionali richiesti, sulla G.U. che è agevole consultare anche on-line. Una diversa esperienza, non certamente però finalizzata all'assunzione, può essere quella dello svolgimento di uno stage di breve durata. In questo caso è necessario che l'istanza provenga da un Istituto universitario.