Fare voci - Giornale di Scrittura

 

Novembre 2017

E questo è il numero di novembre.
Una nuova occasione per ‘incontrare’ le voci
di autori ed artisti che con il proprio lavoro
sono capaci di segnare il nostro tempo.

La nuova poesia slovena è tutta nel vivo scrivere
di Urška Kramberger e del suo “Orjaški gobec globusa”,
ma il mondo si svela anche nel giardino e nel dire
di Francesca Ruth Brandes, e nella fascinazione che
Alberto Mori nutre per il tennis, vera filosofia
applicata al gioco. Il mondo ancora, con le sue intensità,
si racconta nei testi di Mohamed Malih, dove ogni
giorno vissuto è una mappa dell’umano esistere.

Raffaele Santillo ci regala immagini che sanno evocare
ed invitare, luoghi speciali da non farsi sfuggire, da
poter abitare e vivere portando ogni attenzione e
possibile partecipazione.

Buona lettura.

Giovanni Fierro



(la nostra mail: farevoci@gmail.com)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Immagini         ---------------------------

Immagine da copertina


di Raffaele Santillo
 

 

 

Immagine da copertina

 

 

 

 

 

 

 

 

Voce d’autore        ---------------------------

Solo i cavalieri senza gambe e le sirene cieche

Urška Kramberger, la poesia è un vortice

 

di Giovanni Fierro




Urska Kramberger

E’ una delle voci più importanti della nuova poesia slovena.
La giovane Urška Kramberger con la sua recente raccolta “Orjaški gobec globusa” è stata capace
di dare nuova spinta alla scrittura poetica.
Il suo sguardo sulla vita di ogni giorno ne ha saputo trarre i vortici di significato, l’umano accadere
che porta con sé memoria e desiderio, dove tutto si mescola e crea un mondo nel mondo.
La scrittura di Urška Kramberger vive di immagini che esplodo, che si accendono come fulmini, che
lasciano la traccia evidente di ogni passione compiuta.
È una scrittura che ha fiducia nel lettore, che ne chiede la complicità, che lo invita ad essere parte
integrante del fare poesia. Non è poco, anzi.
Con queste sue poesie si rinnova la necessità di affidare alle parole il nostro stare al mondo, per
poterne trovare il centro, i margini, le pieghe.
Sono poesie che continuamente compongono e scompongono il sentire e il capire, dando così la
libertà di respirare, di guardare con maggiore attenzione e partecipazione.
Urška Kramberger si muove all’interno della poesia, la abita, la alimenta con continui spunti e con
coraggio cerca di vedere, e mostrarci, com’è fatta.

(Un riconoscente grazie a Michele Obit che ha tradotto in italiano i testi di Urška che qui presentiamo)

 

 

 

Urska Kramberger

 

 

dal libro:

Ko te pljune cesta

Začne se pomlad z zadnjim
klicem divjega svetilnika. Zato sem
včeraj spala s čevlji. No, madame,
je opletal obraz, kot bi ga nagnil
nad letalsko krilo. Hudo mi je, ko
na križiščih srečujem iztrošene ljudi
z rumeni nohti, ki krčevito grabijo
blago žepa in med njihovim smrčanjem
sredi dneva pišem dolge, manične eseje,
da polkna zardevajo od zanosa.
Veš, da dolgi tuši niso priporočljivi
in od zrnja še nihče ni obogatel.
Ampak, individualizem pride samo
enkrat kot grobar. Drugič
se krohota in polotok raste.

Quando ti sputa addosso la strada
Inizia in primavera con l’ultimo/ richiamo del faro impetuoso. Per questo/ ieri ho dormito con
le scarpe. No, madame,/ ha blaterato il volto, come l’avessi spinto/ sopra l’ala di un aereo.
Mi dispiace se/ agli incroci m’imbatto in persone logorate/ dalle unghie gialle che in modo convulso
arraffano/ qualcosa in tasca e tra il loro russare/ nel bel mezzo del giorno scrivo lunghi saggi maniacali,/
che le persiane arrossiscono dall’eccitazione./ Sai che le lunghe docce non sono consigliabili/ e con i
chicchi di grano nessuno ancora si è arricchito./ Ma l’individualismo arriva solo/ una volta come un
becchino. La seconda/ si smascella dalle risate e la penisola si amplia.

 



 

 

Pazi, greda!

Le ponoči
so največji umi našega časa razvlečeni po njivah.
Dolge vožnje so namazane s tišino.
Konec citata.
Disciplina je samo fuga,
kamor se zarediš.
Ej, to korito ni božje!
Za nas, ki prihajamo iz krajev,
kjer si na čela lepimo rožmarinove vejice
in bruhamo kar na dvoriščih,
so takšni dnevi neznosni.
Če v naočnikih vidiš tuje jezike,
ni to nič kaj akademsko, kaj šele poetično.
Nagačeni zakladi so kot Hrestači.
Alkimistične zastave, kritična priporočila
kako uporabljati vzglavje.
Serija pastirjev, ki si meri obseg pasu
med lebdečimi kosmuljami.
Te male ulice izven centra so sumljivo mračne.
Sedma luža; brez nelagodja je čudno živeti.
Le jezdeci brez nog in slepe morske deklice,
ki niti več ne znajo manipulirati,
v Berlinu vseeno spijo v koncertnih dvoranah.
Po taki nadmorski višini se poreklo izčrpa,
a tu sploh še kdo pazi na paciente?

Occhio, l’aiuola!
Solo di notte/ le migliori menti del nostro tempo si disperdono per i campi./ Lunghi tragitti
sono imbellettati dal silenzio./ Fine della citazione./ La disciplina è solo una fuga/ nella quale
ti propaghi./ Ehi, questa fontana non è divina!/ Per noi che arriviamo da posti/ dove ci incolliamo
sulle fronti rametti di rosmarino/ e vomitiamo nei cortili,/ i giorni come questi sono insopportabili./
Se nei monocoli vedi lingue estranee/ non vi è nulla di accademico, figuriamo poetico./ I tesori
imbalsamati sono come lo Schiaccianoci./ Le bandiere alchimistiche, le raccomandazioni critiche/
di come utilizzare un capezzale./ Una serie di pastori che si misurano l’ampiezza della cintura/
tra l’uva spina sospesa./ Queste viuzze fuori dal centro sono buie in modo sospetto./ La settima
pozzanghera; strano vivere senza disagi./ Solo i cavalieri senza gambe e le sirene cieche,/ che non
sanno nemmeno più manipolare,/ a Berlino dormono comunque nelle sale per concerti./
Superata questa altitudine la stirpe si esaurisce,/ ma qui c’è ancora qualcuno che bada ai pazienti?








Iškmak

Počasneje, začudeno utripanje
mora poloviti besede.
Bolj nežno,
ne suvaj hitreje od zgodbe.
Kobra kurtizane, strupeno prepotene
so s poželenjem morile.
A pesniki pristanejo tudi na enkrat samkrat.
Podpisala sem, da bom,
vsakič ko bi lahko bila noseča, pojedla papajo.
Yes, sir tudi ženske pridemo z vrhuncem.
Na zahodu upočasnjujete samo lisice, sablje in kroglice,
ki jih s konji lovite po polsteni trati.
Za angrezijskega zajca niti nisi tako slab.
Ko zasleduješ neznanko, se kmalu spozabiš.
Mlada luna naredi premog iz kože.
Najprej je obilje in nato kričeča kapitulacija.
Žuželke naju poplavijo, ker si,
naivni firengi,
odprl okna med monsunom.
Kralj si je sam kriv, če je jabolko podaril
in se je vrnilo nazaj do njega.
Prekleta še jaz, vse mine z bližino smrti.
Častnik in njegov sluga in bog in njegov duhovnik
in tempelj z groznim zadahom.
Ko bom razpadla, se mu bom zopet vrgla okoli vratu.
Navsezadnje se le nisi hotel poročiti.
Samo da se že enkrat rešim te puščave.
Kasneje je tudi tebe posilila vera.
Pa ti nisem verjela, da si lahko
v nespodobni naglici
sledijo eden za drugim.

(iškmak – umetnost upočasnjevanja vrhunca; po odlomkih iz romana Zbiralec svetov, Ilijia Trojanow)

Iškmak
Più lentamente, il battito stupito/ deve catturare le parole./ Più delicatamente,/ non colpire più veloce
della storia./ Il cobra della cortigiana, sudata di veleno,/ hanno ucciso con il desiderio./ Ma i poeti
convengono anche una sola volta./ L’ho sottoscritto, ogni volta/ che ci sarà la possibilità che sia incinta
mangerò papaya./ Yes, sir anche noi donne veniamo con l’orgasmo./ All’Ovest fate rallentare solo le volpi,
le sciabole e le palline,/ che catturate con i cavalli sui prati di feltro./ Per il coniglio d’Angora non sei
poi neanche tanto male./ Quando segui una sconosciuta, perdi subito il controllo./ La luna nuova
dalla pelle crea carbone./ Prima c’è l’abbondanza e dopo la chiassosa capitolazione./ Gli insetti ci
sommergono perché tu,/ ingenuo firengi,/ hai aperto la finestra durante il monsone./ Il re ha la sua colpa
se ha donato la mela/ che poi è tornata di nuovo a lui./ Io pure maledetta, tutto passa con l’approssimarsi/
della morte./ L’ufficiale e il suo attendente e dio e il suo sacerdote/ e il tempio con un orribile tanfo./
Quando mi decomporrò, mi getterò di nuovo attorno al suo collo./ Alla fine è solo che non hai voluto/ sposarti./
Salvarmi devo di nuovo da questo deserto./ Più tardi la fede ha seviziato anche te./ Ma non
ti ho creduto quando dicevi/ che nell’indecente premura/ si succedono uno dopo l’altro.
(iškmak – l’arte del rallentamento dell’orgasmo; ispirato a brani del romanzo “Il collezionista di mondi” di Ilijia Trojanow)

 

 

 

 

Rdeča kapica

                                     nekega dne sem čakal sam nase
                          govoril sem si Guillaume čas je da prideš
      in z vnesenim korakom so prihajali tisti ki jih imam rad
                                                   in ni me bilo med njimi
                                                      Guillaume Apollinaire

Večkrat sem izza vrat slišala,
kako se moške izbira po svojih očetih,
če je tako, se mi slabo piše.
Ko sem v stanovanju čisto sama,
si živo našminkam ustnice,
a ko tečem čez korenine in
jih lovim v ogrinjalo, se mi v kotičkih
naredijo grudice, potem bi morala vse znova
narediti, iz tega lasnega prirastka, ki me
obkroža kot velika simbolna igra reinkarnacije,
bi si spet ujela princa, ker me ni on zbudil
iz podzemeljskega spanca pozabe in me rešil,
sama sem si obesila ta svet na naramnice.

Plitko dihanje večeru raznese šarm.
Kje se sploh konča velikanska krogla volne?
Da narediš Kapico, Kapica ne potuje rada sama.
Vrhovi si slano podajajo roke, kamen s kamnom
v gorovje, vršički se zamazano gledajo, ej! Jaz
grem proti soncu, ne ti stara vreča, okorno bitje,
ki greš že neštetokrat po tej poti v senci
varno skrita pred škodljivimi globokimi izrezi.

Slabo si prevedel mesne kroglice, vmes sva
že zapustila obzidje. Onemel kapitan je stavil
na črno. Veke mam zlepljene, ker sem naskrivaj
jedla pecivo iz košarice in si nato mela oči,
ko je bilo treba obkrožiti eno od poti. Najprej
sem vse reševala na papirju, šele potem so
me spustili, da sem se lahko dotikala smrčkov.
Rib ne lovim in veš, da hobotnic nikoli ne gledam v oči,
živalim se iz blazinic naredijo kristali, ti pa se polagaš
kot karta, zadnje in najdražje na meniju.

Saj mi ne boš nič naredil, kajne? Ker nekega dne sem našla
zemljevid iz prihodnosti in ni me bilo tam. Tukaj, kjer bi
morala biti moja dežela, s soncem in sencami, da lahko
vsak izbira, je bila prazna ponjava z debelimi kapljami,
na plano pa se je počasi prebijala solata, ljubljanska ledenka.

Potem, ko smo s tipalkami naprej šli v petkovo noč,
sem dobila na stene celic čuden občutek;

gradiš se iz lepila in sploh ne rabiš biti ti.

Cappuccetto rosso
un giorno stavo aspettando me stesso/ mi dicevo Guillaume è tempo che tu arrivi/ e con passo ispirato/
arrivavano coloro a cui voglio bene/ e non ero tra loro/
- Guillaume Apollinaire

Spesso da dietro la porta ho sentito dire/ come gli uomini si scelgano pensando ai propri padri,/
se così è, per me si mette male./ Quando sono del tutto sola nella stanza/ m’imbelletto le labbra di un
colore vivace,/ ma quando corro oltre le radici e/ le catturo nello scialle, negli angoli mi si/ formano
dei piccoli grumi, poi dovrei fare tutto/ daccapo, da questa crescita di capelli che/ mi circonda come il/
grande gioco simbolico della reincarnazione/ potrei catturare di nuovo il principe, perché non è stato lui/
a svegliarmi dal sotterraneo sonno dell’oblio ed a salvarmi,/ da sola mi sono appesa questo mondo alle
bretelle.// Il piatto respiro alla sera diffonde fascino./ Dove finisce poi la gigantesca sfera di lana?/
Per fare il Cappuccetto, il Cappuccetto non ama muoversi da solo./ Le cime si danno saporitamente la
mano, pietra con pietra/ nel rilievo, le punte si guardano di sbieco, ehi! Io/ vado verso il sole, non tu
vecchio sacco, essere maldestro/ che percorri da mille anni questo sentiero in ombra/ ben nascosto dai
deleteri profondi ritagli.// Hai trasformato male le polpette, intanto avevamo/ già abbandonato le mura.
Il capitano ammutolito ha puntato/ sul nero. Ho le palpebre incollate perché di nascosto/ ho mangiato
i biscotti dal cestino e così avevo gli occhi/ quando dovevo girare attorno a uno dei sentieri. Dapprima/
ho salvato tutto sulla carta, solo poi/ mi hanno lasciato cadere perché potessi toccare i musi./ Non vado
a pesca e sai che non guardo mai il polipo negli occhi,/ dai cuscinetti degli animali si formano cristalli,
tu invece ti distendi/ come carta, le ultime e le più care sul menù.// Non mi farai niente, vero? Perché
un giorno ho trovato/ una mappa del futuro e io non c’ero. Qui, dove dovrebbe/ esserci la mia terra,
con il sole e le ombre, perché chiunque/ possa scegliere, c’era un’incerata vuota con delle grandi gocce,/
sulla superficie cresceva lenta l’insalata, la primaticcia di Lubiana.// Poi, quando con le antenne alzate
siamo andati alla notte di venerdì,/ alle pareti delle celle ho provato una strana sensazione;// ti formi
dalla colla e non hai bisogno di essere tu.
 

 

 

 

Urska Kramberger

 

Intervista a Urška Kramberger:


Le tue poesie sono piene di immagini, è questa la natura del tuo scrivere?
Sono molto interessata nel come il linguaggio, la lingua, può dare forma a varie immagini, che a loro volta creano una scena, che non è necessariamente realistica;una visualizzazione con parole che possono sembrare non andare bene assieme. Spesso, nella mia testa, come un fulmine una certa frase mi appare, e ciò crea l’inizio di una poesia. Sono anche una accurata osservatrice, così alcune delle ‘immagini’ che vedo durante il giorno mi rimangono in testa, e continuano poi all’interno di una storia o solamente in un singolo verso.

In ogni tua poesia succedono molte cose. È un raccontare così pieno di accadimenti umani. Questo è proprio un tuo personale punto di vista, per scrivere poesia?
Quando scrivo mi può facilmente succedere di essere assorbita in un vero e proprio vortice, e qualche volta la mia testa ‘mi sfugge dalle mani’… Mi piacciono le poesie che sono sature, piene di insoliti incroci di immagini. Nel mio libro ho cercato di costruire una gigantesca trama di varie opportunità, come differenti porte che conducono a differenti conclusioni. Così, forse, posso dire che questo è il mio personale punto di vista, ma non proprio nel modo più rigorosamente inteso…. Spesso succede che solo dopo un po’ di tempo capisco cosa stavo cercando di scrivere, e se questo ha un senso...

Il feeling di queste poesie parla di una realtà esplosa in una moltitudine di pezzi… in che modo puoi rimetterli assieme?
Lo lascio fare ad ogni lettore, penso che ognuno capisca e senta il testo in un differente ed unico modo. E il modo in cui questi pezzi si ricompongono dipende solo da lui, dalle sue passate esperienze, dal suo punto di vista, dall’immaginazione, dal sentire. Il mio punto di visto è solo uno dei tanti.
Al di là della mia esperienza accademica (connessa alla biochimica, così maggiormente naturalistica e ragionevole) non sempre credo che la letteratura deve essere logica o che deve essere completamente spiegata. Le scelte che facciamo sono come un bivio, che portano in differenti direzioni. Il modo in cui capiamo le cose, e come ci influenzano, dipende sempre dal tempo che dedichiamo all’osservare e da quante volte e da dove osserviamo.

E questi pezzi esplosi, è ciò che rimane del mondo? Hanno a che fare con ciò che noi sentiamo? Con la nostra società?
Non la vedo in modo così pessimistico, vedo questi pezzi piuttosto come tante possibilità e scelte, che il mondo o la vita hanno da offrire. Frammenti di accadimenti che formano noi stessi e la società, alcune volte stupendi e altre orribilmente dolorosi. Più che un’esplosione, vedo questo come una implosione di frammenti.

Il tuo scrivere poesia si nutre di flash, umani accadimenti che colpiscono l’attenzione di ognuno. Può essere così?
Sì, mi piacerebbe immaginare che quando la poesia è letta, le immagini sono sparate attraverso le nostre menti come fossero elettricità.

Dopo avere letto i tuoi scritti, cosa vorresti che lasciassero nella memoria del lettore?
Spero che le mie poesie lascino al lettore un desiderio ancora più forte di leggere; non solo i miei testi, ma poesia e letteratura in generale. E certamente desidero che il lettore senta qualcosa da queste poesie, e che rimangano in testa per in po’.

Da cosa, da chi, nascono le tue poesie?
Dalla vita di ogni giorno, dai libri che leggo, dalle persone che incontro. In generale da ogni cosa che mi succede. Anche per questo mi piace pensare che le mie poesia siano molto fisiche, e che ognuna di loro sia un corpo di per sé.

 

 

 

L’autrice:
Urška Kramberger è nata nel 1993 a Maribor e vive a Lubiana.
Il suo scrivere è ispirato da Tomaz Salamun, Guillauma Apollinaire, Sylvia Plath,
Ted Hughes, George Orwell, Vladimir Nabokov….
È ospite di vari festival di poesia in tutta Europa.
Del suo libro d’esordio, “Orjaški gobec globusa”, la critica ha detto che:
Combina alcune delle maggiori contraddizione della poesia slovena. Questa fusione
funziona, ma non attraverso una conciliazione, bensì attraverso una conservazione
delle contraddizioni. Il suo debutto è un lavoro che sciocca. È proprio un gran libro di poesia.


(Urška Kramberger “Orjaški gobec globusa”, pp.79, euro 15, 2016)
 

 

 

 

 

 

 

 

Immagini       ---------------------------

Quarta dimensione

 

di Raffaele Santillo
 

 

Quarta dimensione

 

 

 

 

 

 

 

Voce d’autore         --------------------------------

Il mondo in un giardino

Francesca Ruth Brandes, i nomi agli sguardi

 

di Roberto Lamantea

 

 

Francesca Ruth Brandes

Ci sono libri che ci trasformano. Non siamo più gli stessi dopo aver letto Dante. O il Don Chisciotte. O Dostoevskij.
Impariamo ad amare i dettagli del mondo a noi vicino – e a viaggiare con la mente nell’infinito – grazie a Emily Dickinson.
Il nuovo piccolo (45 pagine) ma intenso libro di poesie di Francesca Ruth BrandesStorie dal giardino” è uno di quei libri.
Lo spunto è un arazzo – parola forse impropria, meglio rete, tessuto, forse anche grata – di Wanda Casaril, artista di fiber art,
nello studio dell’autrice a Venezia.
Allude a reti, mare, fiori. Negli occhi di Francesca le storie di piccoli migranti che lei ha aiutato: Moussa con tutti gli abiti addosso;
Karim che dà i nomi ai morti nel deserto; Mara di Aleppo; Said Islam, che scrive lettere alla madre perduta.
Su tutti il deserto e il mare, simboli biblici e omerici. E il colore giallo: sono gialli i fiori che, giorno dopo giorno, i lampedusani
hanno infilato tra le sbarre del centro di accoglienza (gli abitanti di Lampedusa meriterebbero il Nobel per la pace).
Un libro sul dolore, sull’esilio? Anche. Ma chi conosce Francesca conosce anche la sua forza, la bellezza dei suoi occhi.
Francesca Ruth Brandes rovescia il dolore, al punto da vedere un dono anche in ciò che abbiamo perduto, anche nell’assenza
di chi ha voluto volare via dalla nostra vita.
Questo sguardo trasforma il nostro dolore, dà più forza al nostro sguardo verso chi non vuole vedere, ai “giusti” che vogliono ignorare
la guerra per timore di perdere la propria grigia e pigra mediocrità: «Ciò che turba / è il silenzio dei giusti / l’urlo ricacciato in gola /
delle vittime / il nostro urlo / ricacciato in gola. / Ciò che uccide / è chiudere gli occhi / e non sorridere più. // Sto cercando /
necessaria pace / la luce nera della notte
».
L’autrice è «un albero capovolto / nel giardino / le radici in aria / oltre le nuvole». Il giardino conosce il segreto di vivere,
siamo noi così goffi che amiamo a tentoni, come i ciechi: «Gli alberi ridono / di noi, / agitano le chiome, / scuotono le foglie / all’aria.
[…] Ecco – mi dici - / ridono di noi, gli alberi. / Del particolare ossessivo, / dell’odio misurato a gocce, / del nostro non capire
».
Un libro ci trasforma quando gli occhi imparano a vedere.

 

 

 

Francesca Ruth Brandes

 

dal libro:


Sono folle
ho fiducia in questa realtà
nella struttura dell’innocenza
nella dignità delle tue mani
che mi affidano Mosè
un Mosè dopo l’altro
lasciato andare tra le canne.

Credo nell’illuminazione
di quella stretta
credo nella libertà di esserci
così come credo
di scorrere nel fiume.
Tutte le cose le decide il lampo.



*


Ci sono giorni
vuoti di parole
accesi dagli odori
che ti ricordi
il secco d’alga
che s’arriccia appena
un chiodo di garofano
infisso nella mela.

Ti ricordi
lo spessore della nebbia
il metallo del posacenere

e ti ricordi
di ogni nostro andare
la cenere.



*


Scelgo non sia naturale.

Non è naturale
l’insensato orrore
negli occhi di Mara
dieci anni, Aleppo.

Non si vuole spogliare,
ma rotea piano
nell’aria pesante
e si calma da sola
senza carezze
si calma infine
vicino a me.
 

 

 

 

Francesca Ruth Brandes

  

Intervista a Francesca Ruth Brandes:

di G.F.


Cosa è successo per posare lo sguardo su un arazzo di Wanda Casaril, riconoscerne il delicato intreccio di fili, e da qui aver trovato l’intonazione per creare un libro di poesie?
Si tratta del mio lavoro. Occupandomi di arte contemporanea, vengo spesso in contatto con lavori interessanti, che stimolano la creazione di storie. L’opera di Wanda Casaril, che è anche un’amica, è giunta in regalo per festeggiare un trasloco, e un nuovo studio…

Tutto il libro è una trama fragile e importante, che contiene il mondo intero…. di cosa è il risultato?
L’esperienza che avevo vissuto con un gruppo di minori non accompagnati ha portato di prepotenza il mondo esterno nel mio “giardino”, come sempre avviene. Ognuno di noi, credo, può scrivere solo di ciò che ha conosciuto, bagnando le aiuole, mischiando pubblico e privato. Per ogni raccolta che ho scritto è stato così.

Si respira l’aria magica di un giardino. Questa sua magia da cosa ha origine? Cosa la anima?
Spesso i giardini, a Venezia, sono solo intuiti, o ben nascosti dietro le facciate dei palazzi. Hanno la stessa magia acquea delle case, gli stessi rumori dei canali, la stessa luce. L’aspirazione al giardino, più che il giardino stesso, dona ai pensieri intimità.

E’ la pace che ospita, che permette di guardare lontano e dentro le cose, gli avvenimenti, le persone? O cos’altro?
Una pace solo apparente, quella dei giardini. Come nell’arazzo di Wanda, nella trama dei fili, brulica un mondo complesso, plurimo, non sempre idilliaco. Tuttavia, è questa consapevolezza che consente di allargare lo sguardo al di là di ogni siepe, di comprendere che, forse, interno ed esterno hanno la stessa consistenza, la stessa struttura.

Il respiro di questo scrivere si apre poi alle zone di crisi, di guerra, alle ferite. È stata una necessità?
Certo, è stata una necessità. Non si vive del proprio giardino, nel giardino entrano le storie vissute, le ferite private e quelle pubbliche. La poesia è più larga, sì larga, del proprio orizzonte. Spero piuttosto serva ad ampliarlo, quell’orizzonte.

E di queste situazioni alcune persone sono raccontate, nella loro resistenza umana. Quale la loro importanza?
Nella trama insistono fiori, nodi, intrecci. Sono anche le persone importanti che incontriamo per via e che camminano con noi, condividendo passioni, gioie e dolori, e la morte ha meno importanza della vita, sempre.

Una frase mi ha colpito in particolare, “la durata sta nel fondo”. La può raccontare e spiegare?
Il “fondo” è il residuo dei giorni, ciò che permane, e a cui magari non si attribuisce troppo valore, ma che invece ne ha moltissimo. Memoria, esperienza, muschio ai piedi degli alberi, ossidi. Di tutto questo siamo fatti, di oggettività che si fa idea. E, perché no, futuro.

 

 

L’autrice:
Francesca Ruth Brandes vive e opera a Venezia.
È saggista e curatrice d’arte, ha scritto e condotto per ‘Radio Rai’ programmi di attualità culturale.
Si è spesso occupata di tematiche ebraiche.
Tante e diverse le sue pubblicazioni.
Tra le più recenti:
Trasporto”, poesie, e “Slanci urbani” 2009; “Etimologie” 2010, “L’undicesimo giorno”, poesie, 2012;
Il dono di Ernani” 2014 e “Ernani Costantini in privato” 2016.


(Francesca Ruth Brandes “Storie dal giardino” La vita felice, pp.39, 10 euro)

 

 

 

 

 

 

 

 

Immagini ---------------------------

La testa nel pallone

 

di Raffaele Santillo
 

 

La testa nel pallone

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Voce d’autore         ---------------------------

Quando tornerai a me

Cinque testi di Mohamed Malih

 

di Ilaria Battista

 

 

Mohamed Malih

Ci sono persone che hanno la benedizione della Parola, proprio come Mohamed Malih.
Riescono con poche pennellate a raggiungere la profondità del sentimento, a dipanare con semplicità
grovigli di storie dentro cui si intrecciano le più disparate esistenze, rendendole uniche, nella loro universalità.
Il poeta mette poche parole, una dietro l'altra, e si aprono le porte di un mondo che tutti vorremmo abitare o
da cui tutti vorremmo scappare.

In questi cinque testi di Malih ci sono il sorriso della donna amata, che dona la gioia delle preghiere esaudite,
i vecchi libri di una bancarella tra cui cercare le parole di un amore perduto, seguendo il ritmo nostalgico del fado.
Ci sono i mille destini alla deriva, che sfidano il mare sapendo che l'approdo è un azzardo.
E le storie perdute alle porte di Lampedusa, che verranno forse a galla impigliate nelle reti dei pescatori.
Tessere di un destino comune a cui non possiamo sottrarci.

Tutte le nostre storie finiranno impigliate in qualche rete.
Tutti noi siamo vinti e mai magnifici vincitori, anche se qualche sconfitto pare cantare la nostra vittoria.
Siamo tutti, immancabilmente in qualche modo profughi, forse protagonisti della cronaca,
sempre tragicamente condannati a essere clandestini della Storia.

 

 

Cinque testi di Mohamed Malih:



Tu cercami ancora

così come il fiume torna al mare
così tornerai a me
troverai nei miei occhi
serbata intatta la tua bellezza
mi sorriderai
e il tuo sorriso amore, lo sai,
dona la gioia delle preghiere esaudite
quando tornerai a me amore
sarà una giornata di sole
ti farò ridere
come un tempo ridevi con me
quando tarderai a tornare a me amore
e io mi sarò perso
cercami nei ricordi
nelle parole che ti dedicavo
cercami nelle belle poesie d'amore
in questa poesia
che piango e scrivo
cercami sfogliando i libri vecchi delle bancarelle
cercami nella musica del fado
cercami nell'uomo che stai amando
quando tornerai a me
e non mi troverai perché mi sarò perso
tu cercami ancora
voglio farti vedere nei miei occhi
come custodisco intatta la tua bellezza
quando tarderai a tornare
e io sarò perso
sarà una giornata di sole
tu sorridimi ancora amore
di quel tuo sorriso
che dona la gioia delle preghiere esaudite





Profughi

In sella ai nostri anni migliori
sfidiamo il mare
scrutando rotte
di mille altri destini alla deriva

l’approdo è un azzardo

alle porte di Lampedusa
altre storie verranno a galla
impigliate nelle reti dei pescatori

l’enfasi lasciamola ad altri esodi
noi siamo solo profughi
protagonisti della cronaca
e clandestini alla storia.





L'obolo

Benvenuti amici nell’umile dimora dei reietti,
noi siamo i vinti
artisti di strada e ciarlatani
mendicanti e scrittori migranti
madonnari, poeti e ubriaconi
mimi e mangiatori di fuoco
parolieri a cottimo
nudi senza fierezza, ci hanno spogliati di ogni dignità
inabili alla schiavitù
siamo ad un bivio
di qua l’indignazione di là il martirio
ci manca la forza per entrambi
fiaccati da ideali di giustizia libertà e uguaglianza.
Tuttavia, o signori dell’opulenza
noi coltiviamo ancora desideri fra gli interstizi della vergogna
Ci esibiamo nelle fiere, nelle piazze, nelle sagre
Esponiamo le nostre storie ad ogni angolo
e aspettiamo l’obolo
Noi siamo i vinti e voi i magnifici vincitori
Piangiamo la nostra sconfitta e cantiamo la vostra vittoria
Tuttavia, o signori dell’opulenza
noi coltiviamo ancora desideri fra gli interstizi della vergogna
eccovi la nostra storia
ora dateci l’obolo
o liberateci anche da questi residui desideri
dove cresce la vergogna.
Tuttavia…
Al di là dell’obolo
E dell’arte mercenaria
noi custodiamo nello sguardo
un verso, preghiera e bestemmia, al dio che ha creato la bellezza
… e gli oboli
Tenetevi l’inferno e il paradiso
a me basta l’obolo.

 

 

Fausta innamorata

Dice Fausta: ho le farfalle allo stomaco
e… sogna in libertà su un’altalena legata all’arcobaleno
sorride ai mendicanti
lastrica di parole il cammino dei viandanti
corre il suo treno zingano
su binari tracciati da Picasso
prossima fermata l’avventura
questa donna mi piace
il paesaggio è una tela bianca da imbrattare
coi colori dell’attesa
il dio maschio, scalzato dal trono, offeso
forse non tornerà
il sole da lassù non capisce ma approva
la luna insonne gioca con le maree
e i mestrui
seminando desideri nei ventri delle donne
fermate questo treno
io scendo
ho voglia di un cappuccino
ma Fausta dov’è?






La ragazza ha la pelle d’oca

tace il violino nella sua custodia
il sole è alto da un pezzo
quando con un paio di caffè
intanto s’accorda la giornata
il violinista ha le gote lisce di chi è amato
il sorriso benevolo di chi è grato
suonare il violino non è questione di spartito
è lo sguardo di uno che arriva
di uno che parte
è il vento di Tangeri
in una chioma corvina
poi certo
è anche merito dell’archetto
la ragazza che ascolta
dice “ho la pelle d’oca”
ragazza
questa è una storia
araba
andalusa
è la voce di generazioni di poeti
è l’eco lontana
dei dialetti nella valle del mondo
ragazza
questa è musica
di uno che parte
di uno che arriva
poi certo
è anche merito dell’archetto

 

 

l’autore:
Mohamed Malih è nato a Casablanca, in Marocco, e vive da tempo in Italia, a Senigallia.
È stato segnalato a diversi concorsi letterari, i suoi scritti sono inseriti in varie antologie.
È autore del blog “Stracomunitari” ( www.malih.senigallia.biz/ ).
Collabora a diverse testate on line.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Immagini         ---------------------------

Reperti

 

di Raffaele Santillo
 

 

Reperti

 

 

 

 

 

 

 

 

Voce d’autore        --------------------------

Quasi Partita

Alberto Mori e la poesia del tennis

 

di G.F.

 

 

Alberto Mori

E’ a dir poco intrigante la raccolta poetica “Quasi Partita” che Alberto Mori dedica al tennis.
Sono pagine dove la bellezza di questo sport si racconta anche con le trame della propria filosofia,
del suo pensiero applicato all’attesa del colpo giusto che va a punto, dell’equilibri tattico da
adottare nei confronti dell’avversario, dello spazio che anima il campo tracciato, del corpo del
tennista che è azione e decisione.
Alberto Mori in queste pagine trova la sospensione del tempo in cui far accadere tutto questo.
Il campo e il tempo diventano anche un luogo dove l’autore lavora sul proprio linguaggio poetico,
nel suo scegliere e calibrare parole, metterle al servizio della sua ricerca, farle respirare l’intensità
di uno scambio, di una volée, di un diritto e di un rovescio.
E mette in moto un ulteriore tempo frazionato dove il raccontare di Mori si spiega e si mostra, in ogni
suo possibile angolo di significato e di evocazione.
Quasi Partita” è immergersi in una dimensione affascinante, che regala momenti di rara e spontanea
capacità poetica. Dove lo sguardo scrive ancora prima della parola.
In queste pagine il fare poesia arriva fino al tie-break.

 

 

Alberto Mori

 

dal libro:

 

 

Anche il tempo cambia campo

Apposta preparazione per ricominciare

la prospettiva dal punto presunto

Vincente nello scambio



*



Questa curva da destra

appoggiata estensiva al braccio

inaugura consecuzioni intatte del punteggio

trova la strada portata a casa dalla sfida

il tragitto vincente delle spinte precise

concluse dagli angoli del gioco



*


Senza chiusura del campo aperto

Scivolando indietro

Allungato a ribattere ancora in avanti

nell’altra prospettiva laterale del colpo

concluso violento sulla barriera elastica

dove impatti assordati

raddoppiano e muoiono attutiti



*



Decentra lo spazio possibile

Non avvantaggia

Ma appare

Quasi partita

 

 

 

 

Intervista ad Alberto Mori:



Molto originale la scelta, e la scrittura, di questo libro. Da cosa nasce?
Il libro nasce dall’osservazione degli Australian Open, l’ultimo grande slam della stagione tennistica, da spettatore televisivo attento al linguaggio poli sensoriale che esprime il tennis, grazie alle inquadrature televisive multiangolari ed all’utilizzo dello still frame della TV satellitare che mi ha permesso di selezionare icone visive che ho iniziato a tradurre in parole, organizzare in linguaggio e ritmo. In campo di forze attrattive fra lettera /senso /movimento.

Perché proprio il tennis?
Il tennis è sport sublime e crudele: una via di mezzo fra la scherma ed il pugilato come base che ha affinato nei suoi interpreti colpi che si adattano alle strategie ed all’intelligenza dell’antropologia umana. Ci si affronta sempre individualmente e con se stessi durante la sfida con l’avversario. Nella sua durata gioca un’altra “quasi partita”, all’interno del vero e proprio challange, composta da variazione e molteplicità di elementi rituali, emotivi e psicologici. Vi è poi, genericamente, ma di rilievo primario, l’indubbia seduzione visiva del gioco: primissimi piani e dettagli, replay, slow motion delle riprese, tecnologia digitale, etc. lo rendono prodotto globale che coinvolge attivamente nella partecipazione anche il puro e semplice fruitore.

E’ un libro che indaga il tempo e la sua durata, una sua sospensione. È così?
Il tempo è variabile che ha economia sempre efficace per la comunicazione in poesia. “At the still point of the turning wheel”, nel punto fermo della ruota che gira, li lo collocava T.S. Eliot: Nel mio libro viene tracciato dalle prospettive di sguardo percepite dalle linee, dagli sforzi del giocatore, dalle esitazioni, dalla rete, dai suoni ovattati dei cliff hangers quando la palla esce dal campo.

 

Alberto Mori

C’è quasi un nervo metafisico a nutrire questi scritti….
Credo che la tensione irrisolta del suo sforzo sia quella del destino implicito nel match: anche la pianificazione organizzata meglio del gioco deve avere la aleatorietà esplosiva dei colpi vincenti per far sua la partita, arrivare a quel “quasi”, dove la differenza minima cambia in sorte... così direi probabilmente, è anche la vita. La sua preparazione continua per apprenderla durante gli accadimenti e contemporaneamente, alla Shakespeare, cercare di parare “i colpi” della sorte.

E quindi, che tempo è questo, così frazionato, misurato? E il suo spazio, che si mostra nelle lunghezze e nelle linee di un campo da tennis?
E’ il tempo ”prossimo al rovesciamento dove preme assoluto recupero” scrivo a pagina 28. Quello dell’evento e dell’azione, precario, ma con l’atto della concentrazione che lo rende qualitativo. Lo spazio è campo dove il corpo rapporta le sue tensioni tecniche e creative e dunque rappresenta la sua partita.

E’ un qui ed un ora? O ha anche a che fare con il tempo passato? O addirittura anche quello a venire?
Nessuna di queste categorie o meglio se vogliamo è vicino all’accezione della contemporaneità che li contiene, li combina e dissolve allo stesso tempo.

A cosa desideri che il lettore partecipi, entrando nelle pagine di “Quasi Partita”?
Suggerisco traiettorie percettive all’occhio ed ai sensi in lettura: il lettore può mettersi in gioco mentre “gioca” i games dei versi nelle #9 partizioni in cui è suddiviso il libro stesso, il quale è evento in presa diretta che integra nei suoi elementi visivi l’esserci del giocatore/lettore.

 

 

L’autore:
Alberto Mori (Crema 1962), poeta performer e artista, sperimenta una personale attività di ricerca nella poesia,
utilizzando in interazione altre forme d’arte e di comunicazione.
Dal 1986 ha all’attivo numerose pubblicazioni. Nel 2001 Iperpoesie (Save AS Editorial) e nel 2006 Utópos (Peccata Minuta) sono stati tradotti in Spagna.
Per Fara Editore ha pubblicato: Raccolta (2008) Fashion (2009) Objects (2010), Financial (2011), Piano (2012) ed Esecuzioni (2013), Meteo Tempi (2014), Canti Digitali (2015).
La produzione video e performativa è consultabile nell’archivio multimediale dell’Associazione Careof / Organization for Contemporary Art di Milano.
Dal 2003 partecipa a Festival di Poesia e Performing Arts fra i quali: V Settimana della Lingua Italiana nel Mondo (Lisbona, 2005),
Biennale di Verona (2005 e 2007), IX Art Action International Performance Art Festival (Monza, 2011), Bologna in Lettere (2014, 2015 e 2016).
Negli ultimi anni è stato più volte finalista al premio di poesia “L. Montano” della rivista Anterem di Verona.

 

(Alberto Mori "Quasi Partita", Fare editore, pp.52, 8 euro, 2016)

www.albertomoripoeta.com
 

 

 

 

 

 

 

Immagini         ---------------------------

Paesaggio destrutturato

 

di Raffaele Santillo

 

 

Paesaggio destrutturato

 

 

 

Intervista a Raffaele Santillo:

di G.F.

 

Lo spazio, nei tuoi lavori, è sempre importante. Sembra che sia il primo punto da cui partire, la struttura portante di ogni tua immagine. È così?
Si, direi che lo spazio gioca un ruolo rilevante nei miei lavori, un ruolo primario quando esso stesso è soggetto come nelle vedute di interni, un ruolo comprimario quando fa da fondo alle figure, tanto che queste fanno fatica ad emergere e si con-fondono. La ricerca della profondità in uno spazio a due dimensione come un dipinto, da tempo non è obbiettivo primario del pittore, ma la mia formazione e il lavoro che ho svolto per diversi anni mi portano automaticamente a pensare ad uno spazio tridimensionale dove collocare le figure.

Pur nella sua interezza, ogni tuo lavoro mi sembra vivere di trasparenze. Nell’uso del colore, ma anche forse nella consistenza dei soggetti. Può essere questa una possibile chiave di lettura? E se si, di che trasparenza si tratta?
Trasparenze, sovrapposizioni, ripensamenti e cancellature sono testimonianza di un processo esteso nel tempo, in qualche modo raccontano come questa immagine è andata via via formandosi, allo stesso tempo ricostruiscono uno spazio tridimensionale per piani e linee. Ho una preferenza per alcuni colori come tutti, mi sono accorto che sono gli stessi dei miei vestiti. Credo di non aver mai avuto un maglione rosso.

Ecco, la presenza umana caratterizza gran parte dei tuoi lavori. Chi sono queste figure che li abitano, che li vivono?
L’uomo c’è sempre anche quando non ci sono figure, nei paesaggi, negl’ interni, la presenza umana si percepisce, queste immagini fungono quasi da cassa di risonanza dei nostri stati interiori.
Molto spesso i miei lavori prendono spunto da immagini fotografiche che il più delle volte mi appartengono, oppure sono immagini che cerco: mi lascio conquistare da gesti, colori e dettagli che tendono al mio sentire, per andare verso un mondo altro dove il tempo cessa di essere urgente, dove gli uomini si parlano veramente, ma a bassa voce.

E in particolare, si ha la netta idea che queste figure abbiano un qualcosa di contemplativo, sempre, quasi che i loro pensieri e i loro sogni si mescolino. Quasi un garbuglio di sensazioni da cui vorrebbero uscirne, in qualche modo… può essere così?
Sognare è molto vicino a desiderare, come i miei personaggi lo faccio spesso ad occhi aperti. Lo spazio pittorico è un luogo magico dove possono succedere cose imprevedibili. Ma non hanno intenzione di uscire? Per andare dove? Semmai ci stanno chiedendo di entrare.

Nel tuo creare, fai anche uso come supporto di pagine di riviste o vecchi libri…
Mi approprio di queste pagine con l’obbiettivo di sottrarre a quelle immagini il loro effimero linguaggio a cui erano state destinate. Utilizzo la superficie patinata come punto di partenza, con velature e campiture annullo il contesto e il contenuto, le figure perdono il loro fine rimanendo sospese, come in attesa di una nuova destinazione.

 

l’artista:
Raffaele Santillo è nato nel 1966 a Santa Maria Capua Vetere in provincia di Caserta.
Ha frequentato l’Istituto Statale d’Arte di S. Leucio (CE), dopo il Diploma di Maestro D’Arte e la maturità, frequenta il corso di laurea
in Architettura presso l’Università degli Studi Federico II di Napoli, nello stesso periodo lavora presso la falegnameria del padre
disegnando arredamento su misura.
Dal 1998 vive a Pordenone. Per molti anni è progettista in uno studio di architettura, con una particolare predisposizione per gl’interni,
dal 2013 si dedica unicamente alla pittura.


www.santilloraffaele.it
 

 

 

 

rivista Fare Voci

curata da Giovanni Fierro
collaboratori:
Guido Cupani, Roberto Lamantea, Ilaria Battista
Livio Caruso, Salvatore Cutrupi.